Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto
Idomeni

Idomeni, giorno quattro

Giovedì notte ha cominciato a piovere ed è andata avanti fino a venerdì sera, finché le tende del campo non sono sprofondate in un'enorme pozza di fango.

Questa non è la Siria, non è l'Iraq, non è la Libia.
Questa è Idomeni, regione Macedonia, quindi Grecia. Soprattutto, questa è Unione Europea.

E quella che vedete in questo video è la nostra idea di accoglienza, evidentemente. Tra politici che gareggiano a chi costruisce il muro più alto e cittadini che gridano "prima gli italiani", 10.000 persone sono costrette a vivere qui, a metà tra un carcere a cielo aperto e un'enorme latrina, nell'attesa (che sembra infinita) di sapere cosa vogliamo fare di loro.